Associazione nazionale Città dell’Olio
Strada di Basciano, 22
53035 Monteriggioni (Si)
Tel. 0577 329109 – Fax 0577 326042
info@cittadellolio.it

https://www.olioincattedra.it/bimboil-junior/la-produzione-dellolio-e-v-o-a-santelia-fiumerapido/



La produzione dell’olio e.v.o. a Sant’Elia Fiumerapido



Città dell'Olio: Sant'Elia Fiumerapido

Istituto: I.C. Sant'Elia Fiumerapido (plesso A. Santilli)

Classi / Sezioni: 2^C

Referente / Insegnante: prof.ssa Angioletta Coletta

La mia Intervista

Titolo dell'Intervista:

La produzione dell’olio e.v.o. a Sant’Elia Fiumerapido

Testo dell'intervista

Intervista ad Antonio Tomolillo da parte della figlia Anna
L’idea di fondare l’azienda agricola di Giovanni Arpino è nata negli anni Venti, inizialmente si è dedicata alla produzione di frutta e verdura, soltanto negli anni Ottanta ha deciso di fondare una cooperativa con l’apertura di un frantoio per la produzione di olio extra vergine di oliva.
Questa azienda è molto attenta a rispettare le normative ambientali, per esempio l’acqua utilizzata per il lavaggio delle olive, dopo l’uso, viene adoperata per irrigare i campi.
L’olio e.v.o. Made in Italy si differenzia dagli altri oli perché vengono utilizzate varietà di olive presenti solo in Italia. Esso può essere definito BIO se vengono rispettati determinati processi, per esempio l’uso di concimi naturali o consentiti nelle coltivazioni bio, non l’uso di pesticidi; le olive bio non possono stare a contatto con olive non bio.
Per capire se siamo di fronte ad un olio di qualità dobbiamo leggere sull’etichetta che ci siano una bassa acidità (non deve superare lo 0,8%) ed un elevato contenuto di polifenoli (indicanti il tipo di gusto, più amaro o piccante).
Le olive lavorate da questa azienda provengono da antichi uliveti di Sant’Elia Fiumerapido, cittadina in provincia di Frosinone, situati sulle colline circostanti dove trovano drenaggio dell’acqua, assenza di nebbia e un microclima ideale. Poiché si tratta di una cooperativa vengono frante anche le olive di altri produttori del posto.
La raccolta delle olive viene effettuata a partire da metà ottobre tramite mezzi meccanici (abbacchiatore pneumatico), intorno alle piante vengono sistemate delle reti su cui cadono le olive, vengono poi pulite dalle foglie e trasportate al frantoio, per essere macinate lo stesso giorno. La spremitura viene effettuata con procedimenti meccanici.
In questa zona sono presenti molte varietà di olive, le più diffuse sono il leccino e il moraiolo. Per ottenere un olio di qualità la raccolta deve essere fatta nel periodo giusto, le olive non devono essere troppo mature e devono essere portate al frantoio entro le 24 h dalla raccolta.
L’olio d’oliva è un grasso vegetale che se è conservato in modo corretto può durare anche diversi anni, bisogna metterlo in contenitori specifici chiusi, al riparo da fonti di calore.
Nel corso del tempo il ruolo del frantoio è cambiato, ci sono stati studi per migliorare la qualità del prodotto e oggi si riesce ad ottenere un olio ottimo. In passato le olive venivano ammassate in sacchi di juta per giorni e giorni prima di essere macinate, oggi invece vengono portate subito al frantoio e molite lo stesso giorno!
Questa azienda ha come progetto per il futuro la creazione di un impianto di imbottigliamento in modo da portare a termine il processo di produzione dell’olio.
Oggi si presta molta attenzione alla qualità di ciò che mangiamo, perché si è capito che la nostra salute dipende da una corretta alimentazione. Naturalmente un prodotto di qualità ha un certo costo: produrre olio e.v.o. di qualità richiede lavoro e fatica, perciò non è possibile che un buon prodotto possa essere venduto nei supermercati a prezzi eccessivamente bassi!
Perciò occhio all’etichetta e mettiamo nel carrello della spesa prodotti Made in Italy!
La redazione della classe II C della Scuola Sec. I grado “A. Santilli” -I.C. Sant’Elia Fiumerapido