Associazione nazionale Città dell’Olio
Strada di Basciano, 22
53035 Monteriggioni (Si)
Tel. 0577 329109 – Fax 0577 326042
info@cittadellolio.it

https://www.olioincattedra.it/bimboil-junior/la-mia-vita-centenaria/



La mia vita centenaria



Città dell'Olio: Corato

Istituto: Cifarelli-Santarella

Classi / Sezioni: II E

Referente / Insegnante: Angela Campione-Arcangela Di Bisceglie

La mia poesia

Titolo della poesia:

La mia vita centenaria

Descrizione della poesia

(max 2000 battute)

Nella poesia “la mia vita centenaria”, in rima baciata, si utilizza prevalentemente la personificazione. L’ulivo centenario parla di se stesso e delle vicende di cui è stato testimone con riferimento, in particolare, alla xylella, malattia della pianta e alla pandemia attuale che ha colpito l’uomo. La poesia si apre ad una conclusione positiva: ben presto si tornerà a prendersi cura dell’ulivo e si produrrà un olio buono di cui nelle ultime strofe si esaltano le qualità.

Testo della poesia

LA MIA VITA CENTENARIA

Mi presento son l’ulivo:
un albero giulivo.
Son nato
che mi avevano da poco piantato.

Da piccolo non producevo frutti,
ma sapevo che da grande sarei stato utile a tutti.
Crescendo i miei rami molte olive han portato,
dalle quali gli uomini un olio pregiato han ricavato.

Durante le guerre son vissuto
e triste son cresciuto;
ma io di tante cose son capace,
infatti i miei rami in tutto il mondo portan la pace.

Io sono una pianta centenaria,
ma c’è una malattia che ci debella:
si chiama la xylella,
si è diffusa nell’aria.

Io ho già sofferto tanto
Ed ora per gli uomini sono affranto
Perché è arrivato un altro male
Silenzioso e infame

Di tutti il più infido, il peggiore
e di anziani aggressore
Di un tratto attorno a me
quanta solitudine ahimè

Ma presto tornerà il sereno
E vedremo in cielo l’arcobaleno
Noi ulivi siam come gli umani
E torneremo ad essere forti e sani

Andrà tutto bene..

Ben presto tornerà chi di me cura si prenderà
tante olive raccoglierà
e produrrà un olio buono come l’oro
che infine diventerà un capolavoro.

A casa sua porterà questa meraviglia
che poi metterà in bottiglia,
il pane condirà
e il suo sapore di campagna sentirà.

Tornerà con i vicini a far festa
Ad invitare gli amici con gioia manifesta
e a stringere tutti calorosamente
senza dimenticare chi è volato via silenziosamente…

Questo sarà il finale della mia storiella
Che tornerà ad essere bella…