Associazione nazionale Città dell’Olio
Strada di Basciano, 22
53035 Monteriggioni (Si)
Tel. 0577 329109 – Fax 0577 326042
info@cittadellolio.it

https://www.olioincattedra.it/bimboil-junior/il-silenzioso-abbandono/



Il silenzioso abbandono



Città dell'Olio: Caprarica di Lecce

Istituto: ICS Calimera

Classi / Sezioni: II

Referente / Insegnante: Michela Villani

La mia poesia

Titolo della poesia:

Il silenzioso abbandono

Descrizione della poesia

(max 2000 battute)

Gli ulivi del nostro Salento si sono ammalati da tempo. In un paesaggio ormai spettrale dove tutto sempre abbandonato, lo stupore di centinaia di contadini inermi di fronte ai propri ulivi improvvisamente spenti rappresentano il nostro pianto. I rami improvvisamente seccati sono diventati una vera e propria epidemia, sembra quasi una stregoneria. Immaginare la nostra terra senza gli ulivi ci sembra impossibile da accettare.

Testo della poesia

La desolazione è arrivata nelle nostre terre
passando dai campi fino alle serre
abbiamo sempre dato il cuore
per un albero pieno di dolore.
Le anime dei nostri ulivi viaggiano desolate attraverso il vento
con ormai il battito spento.
Quanti ricordi, quante emozioni
di quelli olivi ormai senza colori, senza frutti ma solo abbandoni.
Tra quelle campagne una volta piene di vita
0ra si ascolta il pianto di chi le coltiva.
Racconta una vecchietta del nostro paese
che ha sempre vissuto nei campi senza pretese
che gli ulivi si sono attorcigliati per il dolore
quando qualcuno li scelse per farci la croce del nostro Signore.
Nessuno di noi sa se questa storia tremenda
sia reale o solo leggenda
ci si chiede però quale sofferenza o quale stregoneria
i nostri 0livi abbia portato via.

Video